Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 23 Giugno 2022

61

- Pubblicità -

Signore, Signore: le parole sono menzogne con le quali costruisco muri per impedirmi di incontrare me stesso e di incontrare di conseguenza le persone accanto a me; le parole sono specchio che riflette meticolosamente chi sono e mi regalano l’opportunità di lasciarmi trovare da chi vuole accarezzarmi o di affrontare a viso aperto chi mi contrasta. Le parole assomigliano a un labirinto: in esse posso perdermi e perdere l’appuntamento con la verità che mi abita oppure posso seguire faticando la via dell’autenticità.

Mi scopro in dialogo con me stesso, e in questo dialogo sperimento la possibilità duplice che le parole custodiscono. È una conversazione che si riverbera causando un’eco attorno a me, non è il solipsismo autoreferenziale di una torre d’avorio: se mi chiudo all’incontro trasparente con ciò che in me vive, questo si riverserà sulle relazioni; se mi consegno all’incontro cristallino con ciò che mi abita, questo potrà diventare una benedizione per coloro che incrociano la mia esistenza.

Signore, Signore: Gesù mi accompagna a conoscere e a liberare me stesso, mi accompagna a rendere me casa costruita sulla roccia dove posso abitare io per primo, mi accompagna a diventare una dimora solida con la porta aperta.

Carmine Carano SJ

Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 23 Giugno 2022
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 23 Giugno 2022