Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 23 Gennaio 2022

125

- Pubblicità -

Noi siamo ciò che ascoltiamo. Le parole a cui diamo ascolto hanno il potere di trasformarsi in pensieri. I pensieri, in azioni.

Il Vangelo ci aiuta a distinguere tra il rumore che distrae e stordisce e la Parola di Dio che salva.

La Parola a servizio dell’uomo, l’uomo a servizio della Parola. In questo scambio fecondo si genera la vita – per chi è povero, prigioniero, cieco, oppresso. Una Parola che si tramanda di bocca in bocca, ma, ancor di più, di mano in mano.

Mani disposte a sporcarsi con la realtà e a lasciare che la grazia del Signore operi in loro. Oggi è il momento opportuno. La mia vita il luogo più adatto. La prima pagina di una storia di salvezza. Scegliamo con cura le parole che vogliamo essere!

Maria Pia S.


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 23 Gennaio 2022
Articolo successivodon Manuel Belli – Commento al Vangelo del 23 Gennaio 2022