Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 23 Dicembre 2019

302

Elisabetta, “Dio-ha-promesso”; Giovanni, “Dio-fa-grazia”. Nella storia di questi due nomi, quella dell’avvento. Il popolo non sembra ancora essersi avveduto della novità che sta vivendo Elisabetta, pensa di poter rimanere legato ai nomi vecchi.

Quante volte ci ostiniamo a voler vivere i nuovi incontri, le nuove esperienze, con i vecchi schemi, ricordando le vecchie delusioni? Quante volte proprio queste ci impediscono di accogliere le novità? Elisabetta, nonostante la sua età, a differenza di suo marito, si è decisa invece ad accogliere e custodire l’annuncio che Gabriele aveva fatto.

Matteo Palma

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Nascita di Giovanni Battista.
Dal Vangelo secondo Luca Lc 1, 57-66 In quei giorni, per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei. Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome». Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio. Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui. Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.