Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 23 Aprile 2021

28

Difficile per noi comprendere, ascoltando con l’orecchio della ragione… siamo tante volte giudei senza respiro a discutere di cosa vivere, di cosa nutrirci, come accaparrarci la vita… quasi disposti a sbranarci tra di noi per avere la meglio.

Cristo ha restituito il suo significato a “figlio dell’uomo” con la sua stessa carne, con la sua stessa vita.

Ecco che seguire quest’Uomo vuol dire tornare a Dio, tornare a un Noi di comunione, condivisione e pienezza: bere dal calice della vita vuol dire non risparmiarsi, lasciandosi per-donare e per-donando, a costo della morte, a costo della vita.

Mounira Abdelhamid Serra


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2021
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 23 Aprile 2021