Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 21 Marzo 2022

88

- Pubblicità -

Dire una verità scomoda, soprattutto a chi vogliamo bene, non è cosa semplice. Come la posso dire? Quali parole posso usare? E se, pur desiderando il meglio, faccio il peggio?

La verità porta con sé grande responsabilità e per essere detta necessità di un cuore fedele e coraggioso. Un cuore che non teme di essere cacciato via, un cuore che sa distinguere buio e luce e non teme di dirlo, costi quel che costi.

Gesù ci può essere compagno in questo cammino di scoperta della verità, di come raccontarla e di come affrontare le conseguenze delle parole dette, nel bene e nel male.

Gesù è accanto a noi fino al limite, fino al punto in cui la folla (dei pensieri, delle persone, delle paure) ci porta nel tentativo di farci desistere. Ma arrivati lì, a un passo dal cadere per mano altrui, Gesù ci ricorda che il nostro compito qui è finito: torniamo sui nostri passi, riprendiamo a camminare sulla nostra strada, lasciandoci alle spalle la folla che non sa ascoltare.

Martina Pampagnin


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2022
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2022