Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 20 Marzo 2022

84

- Pubblicità -

Il vignaiolo, che conosce gli alberi e i ritmi della terra, ferma il padrone e lo allontana da quel suo istinto di volere tutto, subito e al meglio.
Un qualunque contadino ha conosciuto la fatica di lavorare la terra, la pazienza della semina e la cura dellʼattesa, non potendo mai conoscere con esattezza il giorno, la quantità e la qualità dei frutti, se arriveranno.

Allo stesso modo siamo chiamati a guardare alla vita e alla nostra quotidianità non da padroni, ma da coltivatori, curatori e custodi della propria terra e dei silenziosi sforzi perché possa continuare a essere fertile.

Osvaldo Proietti

Rete Loyola (Bologna)


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Lucio D’Abbraccio – Commento al Vangelo del 20 Marzo 2022
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 20 Marzo 2022