Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 20 Maggio 2022

88

- Pubblicità -

Siamo spesso abituati a fare tante cose, viviamo in un mondo molto veloce dove tutto rischia di essere effimero, sfuggevole, passeggero. Viviamo tante cose ma con il rischio di non gustarle, di averle già dimenticate il giorno dopo, di relegarle subito nel passato. Anche le nostre relazioni rischiano talvolta di essere conoscenze e incontri, non un lungo tempo gratuito di vera donazione reciproca.

Il vero amore, la vera relazione produce frutti che rimangono, che abitano il nostro cuore e la nostra vita e diventano sorgente che alimenta ogni azione e ogni relazione. L’amore del Vangelo non è passeggero, ma rimane, cresce giorno dopo giorno, arriva ad amare anche i nemici. I frutti autentici della Parola, dell’Amore, rimangono anche nelle difficoltà, nelle avversità. I frutti del nostro lavoro, delle nostro opere, delle nostre relazioni possono rimanere, essere gustati e continuare ad avere lo stesso sapore della prima volta se nascono e crescono nell’amore gratuito e totale.

Chiara Selvatici


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 20 Maggio 2022
Articolo successivodon Tonino – Commento al Vangelo del 20 Maggio 2022