Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 20 Giugno 2019 – Mt 6, 7-15

52

Durante il suo ministero, Gesù insegna a pregare pregando, facendosi trovare in atteggiamento di preghiera, ritirandosi su un monte, appartandosi nella notte, esclamando a voce alta e invocando il Padre. Solo in questa occasione dà indicazioni esplicite per la preghiera, insegna anche a parole.

È un insegnamento misurato, che affonda le sue radici nella vita vissuta di ogni giorno, nelle semplici richieste che chiede di fare. E, se possibile, più ancora di ciò che viene espresso dalla preghiera stessa, preghiera per eccellenza del cristiano, porta luce nuova quel “non sprecate parole”: Gesù rimanda a una dimensione diversa della preghiera, quella fatta dallo sguardo e dall’abbraccio. Dio è d’altronde come il padre misericordioso: di fronte al figliol prodigo, , il padre interrompe il profluvio di parole imparate a memoria come una preghiera qualunque fatta per ottenere una grazia qualsiasi e si lancia in un abbraccio caldo e benedicente.

Anche quando siamo costretti a usare le parole per rivolgerci a Dio, lasciamoci abbracciare da Lui piuttosto che dalle nostre stesse parole, e in silenzio godiamo della sua stretta paterna/materna. La preghiera è questo caldo abbraccio, e così quando diciamo “Padre nostro” non facciamo altro che lanciarci fra le sue braccia.

Michele Papaluca SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Voi dunque pregate così.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 6, 7-15

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate.
Voi dunque pregate così:
Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non abbandonarci alla tentazione,
ma liberaci dal male.
Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli altri, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe».

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.