Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 2 Novembre 2021

47

Sono stata mandata. Sono un regalo che il Padre ha fatto al Figlio, e il Figlio mi ha accettato, mi ha accolto, non mi ha cacciato. Ho visto il Figlio e da allora non posso vivere la mia vita senza confrontarmi con il suo amore.

Il suo amore mi disarma, la sua lotta per non perdermi mi commuove. Lo ostacolano tutti, il mondo intero lo vuole fermare, io stesso scivolo dalla sua presa e mi ribello, ostile a compiere una volontà non mia. Ma lui ritorna, resuscita il mio cuore apatico e mi riporta verso la vera Via, la vera Vita: ed è per questo che credo in lui, che credo nella potenza del suo amore.

Come tutte le pecorelle smarrite, sono al sicuro solo quando mi ritrova.

Gloria Ruvolo


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 2 Novembre 2021
Articolo successivodon Federico Pucci – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2021