Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 2 Aprile 2022

41

- Pubblicità -

Dalla Galilea non sorgerà forse un profeta, ma da Betlemme è germogliata la più stra-ordinaria delle vite.

Talmente straordinaria da poter essere da tutti vista, riconosciuta – ma non compresa. Perché non basta aver studiato, non basta sapere, non basta essere saggi, non basta nulla: davanti alla sconcertante novità di un uomo che parla così nulla basta, se non la meraviglia più assoluta davanti a un prodigio incomprensibile e come tale spaventoso. Allora non la Legge, non i libri, non la tradizione ma soltanto il cuore può suggerire la strada per la verità: ascoltare per sapere ciò che fa, ascoltarsi per sapere cosa fare.

Cuore a cuore, per lasciare che la meraviglia di una novità tanto dirompente nutra ogni fibra del nostro essere.

Verena M.


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 2 Aprile 2022
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 2 Aprile 2022