Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 19 Ottobre 2021

70

A volte siamo come questi servi, pronti per metterci al servizio del nostro padrone, dei nostri tanti padroni. Stiamo svegli e pronti perché sentiamo forse un senso del dovere e non vogliamo essere sorpresi impreparati. Siamo mossi dalla paura, dal timore di essere giudicati perché non siamo subito pronti ad aprire la porta al padrone che arriva e a servirlo.

Ma a ben vedere l’attesa “per servire” si trasforma nella gioia di partecipare ad una festa che continua, nel trovarci “serviti” dal padrone. Il padrone che rientra a casa non vuole essere servito, ma servire e continuare la festa con coloro che fanno parte della sua vita, che fedelmente lo hanno atteso.

Il Vangelo li definisce beati, fortunati, perché la loro fedeltà permette loro di partecipare in modo speciale alla festa. Il Signore entra nelle nostre vite non per farsi servire, ma per servire, mettersi al servizio della nostra vita. Il Signore ci invita a stare pronti, non per essere servi, schiavi dell’orologio e della prestazione perfetta, ma per partecipare alla festa con lui e così sentirci beati, amati da lui.

Chiara Selvatici


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 19 Ottobre 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 19 Ottobre 2021 – don Carlo Occelli