Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 19 Ottobre 2019

339

Una carezza data a quel bimbo per strada, la cena romantica preparata per il mio partner, una parola di incoraggiamento che ha sollevato il morale al mio collega, il tempo speso ad ascoltare un’amica disperata, l’abbraccio dato al signore del piano di sopra che ha appena perso la moglie: quanti gesti simili a questi appartengono alla nostra quotidianità! Sono gesti semplici, forse spontanei, talvolta li compiamo senza nemmeno renderci conto di quello che generano…in noi e negli altri…

Cosa significa riconoscere Gesù davanti agli uomini? Diventare consapevole che mi è stato dato un potere enorme che posso esercitare in ogni istante: il potere dell’amore. Quando guadagno questa consapevolezza, ogni mio gesto può diventare intenzionale, e quindi deciso, voluto, anche se talvolta mi costa fatica. In quel gesto riconosco che lo Spirito mi sta attraversando per riversare nell’universo l’amore che tiene in vita la realtà: grazie a me il mondo diventa più umano.

E quando lo Spirito passa attraverso di me, umanizza anche me. Nel lasciarmi attraversare, divento capace di trascendere le mie ferite, i miei traumi, le vicende dolorose che ho vissuto. Genero un’azione impregnata di quell’amore purificato, sudato, voluto che raggiunge l’altro, toccando proprio quelle mie parti che ne hanno bisogno. La pace che avverto nel cuore è il segno dello Spirito che mi avverte che quell’amore non è solo passato attraverso di me, ma è passato proprio per me.

Ogni volta che mi chiudo al bene che posso fare all’altro, impedisco allo Spirito di scegliere proprio me per vivificare l’universo e perdo l’occasione di essere sanato. E Gesù esclama: che peccato!

Flavio Emanuele Bottaro SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 12, 8-12

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Io vi dico: chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini, sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio.

Chiunque parlerà contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonato; ma a chi bestemmierà lo Spirito Santo, non sarà perdonato.

Quando vi porteranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi di come o di che cosa discolparvi, o di che cosa dire, perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire».

Parola del Signore