Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 19 Giugno 2022

65

- Pubblicità -

Essere curati dalla paura che nessuno si prenda cura di noi e che dobbiamo salvarci da soli, sgomitando più o meno consapevolmente, più o meno violentemente, contro gli altri.

Essere curati dall’idolatria delle logiche economiche, gestionali, dalla consapevolezza bucata di chi afferma di sapere per certo come va il mondo, visioni che considerano solo dei pezzi della realtà, solo alcune delle risorse e delle potenzialità disponibili, quasi mai quelle che possono fare la differenza, quelle che possono fare il miracolo.

Essere curati dalla fretta e dall’agitazione che rende impensabile, assurdo, fermarsi un momento prima di mangiare, prima di spezzare il pane, nostro, quotidiano. Essere confermati nel coraggio di alzare gli occhi al cielo, ringraziare, benedire, distribuire a ciascuno.

Riconosciamo quanto abbiamo bisogno di queste cure: intanto io, intanto il gruppetto di quelli con me, in realtà tutti, proprio tutti. Saziati, contemplare le ceste ancora piene e le nostre preoccupazioni trasformate in speranza: speranza di essere, anche noi, pane per altri, cura per altri.

Matteo Suffritti SJ

Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedenteLuciano Manicardi – Commento al Vangelo di domenica 19 Giugno 2022
Articolo successivoDon Luciano Labanca – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2022