Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 18 Ottobre 2021

77

La formazione che Gesù mette in atto con i suoi compagni non punta a fare di essi dei piccoli o grandi guru solitari e autosufficienti, né a separarli dal mondo.

Sembra che la buona notizia della prossimità del regno di Dio non possa essere testimoniata che almeno in due, limando le punte dellʼentusiasmo e della paura, accettando il rischio dellʼaccoglienza reciproca nonostante lʼevidente povertà di entrambi, sostenendosi nel discernimento comune: a quale porta bussare, quale tasto evitare, quale canzone osare accennare.

Come il maestro, i suoi compagni sono invitati a non scappare dal mondo, ma a sbilanciarsi per incontrarlo nei luoghi più intimi, nelle case, accostandosi alle ferite e alle speranze di chi li accoglierà, in quei focolari dove si trovano senza maschere le malattie, il pane e il vino. Il principe della pace è vicino!

Matteo Suffritti SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 18 Ottobre 2021
Articolo successivodon Gabriele Nanni – Commento al Vangelo del 18 Ottobre 2021