Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 18 Febbraio 2020

247

Al piccolo Gesù è sempre piaciuto il miracolo del pane. Farina e acqua impastati con pazienza dalle mani calde di Maria. Il tempo tranquillo in cui non si sa bene chi faccia cosa, ma la piccola massa lievita e cambia di odore e di consistenza. Il profumo che si diffonde quando viene cotto. La gioia quando ciascuno riceve il suo pezzo.

Il miracolo del pane funziona se c’è lievito buono. Gesù maestro continua a parlare ai suoi amici a partire dal miracolo del pane. Ma c’è lievito e lievito. C’è il lievito del regno e però ci sono anche dei lieviti che possono fare marcire gli ingredienti: lieviti finti che fanno sprecare il lavoro e la vita; lieviti ingannatori, che ci fanno pensare che il miracolo del pane non funzioni per noi e per la nostra situazione; lieviti accusatori che ci fanno credere che gli altri ingredienti siano corrotti, che la vita sia un bluff…
Invece con il lievito buono e con gli stessi identici elementi di base il risultato sarebbe stato proprio diverso!

Il Signore invita i suoi discepoli a fare attenzione ai diversi lieviti che possono fermentare nei loro cuori, a dare un nome a quelli che ingannano la vita. Gesù ci invita a chiedere la grazia di ricordare le esperienze che abbiamo avuto del lievito buono. Il lievito buono si è fatto vicino alla traversata della tua vita? Quando? Come? Fidarci che continuerà ancora una volta a impastarsi con te, a spezzarsi anche tra le tue mani per sostenere le avventure di tanti. Oltre le nostre paure, le nostre dimenticanze e le nostre incomprensioni, il lievito buono è con noi, tutti i giorni fino alla fine del mondo.

Matteo Suffritti SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Guardatevi dal lievito dei farisei e dal lievito di Erode.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 8, 14-21 In quel tempo, i discepoli avevano dimenticato di prendere dei pani e non avevano con sé sulla barca che un solo pane. Allora Gesù li ammoniva dicendo: «Fate attenzione, guardatevi dal lievito dei farisei e dal lievito di Erode!». Ma quelli discutevano fra loro perché non avevano pane. Si accorse di questo e disse loro: «Perché discutete che non avete pane? Non capite ancora e non comprendete? Avete il cuore indurito? Avete occhi e non vedete, avete orecchi e non udite? E non vi ricordate, quando ho spezzato i cinque pani per i cinquemila, quante ceste colme di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Dodici». «E quando ho spezzato i sette pani per i quattromila, quante sporte piene di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Sette». E disse loro: «Non comprendete ancora?». Parola del Signore