Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 17 Ottobre 2019

355

Chi di noi, se perde le chiavi di casa, si rassegna a stare fuori? Non si metterà piuttosto a cercarle, ripercorrendo uno ad uno i luoghi dove è stato? E se, gli risulta che qualcuno si è tenuto le sue chiavi, non andrà da lui per riprendersele e così entrare a casa sua?

Sappiamo quanto è difficile andare da qualcuno e dirgli: “ridammi le chiavi che ti sei preso”. Ci aspettiamo un rifiuto, dobbiamo mettere in conto dei trattamenti ostili, sfuggire a dei trabocchetti, scavalcare delle insidie. Ci piacerebbe piuttosto trovare una finestra per cui passare, o cercare un altro mezzo per aprire la porta.

Ma se non è così, e l’unico modo è andare da quel ladro, allora non ci resta che armarci di santa pazienza, abbandonare ogni ingenuità, cercare alleati ed esigere ciò che è nostro. Inizia una lunga caccia al tesoro, dove infondere le nostre energie più belle. Prima o poi, stanchi ma felici apriremo quella sospirata porta.

Stefano Corticelli SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Sarà chiesto conto del sangue di tutti i profeti: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 11, 47-54

In quel tempo, Gesù parlò dicendo:

In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite.

Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione.

Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito».

Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.

Parola del Signore

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.