Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 16 Settembre 2019

401

Oggi incontriamo un centurione romano molto legato a un proprio servo, egli costruisce la sinagoga per i giudei suoi vicini di casa e si sente indegno di ricevere Gesù a cosa propria. Non fa parte del popolo eletto, ma crede in Gesù.

Colpiscono l’umanità, la sensibilità e l’umiltà di quest’uomo. Non pretende che Gesù vada da lui, non vuole fregiarsi di aver ricevuto in casa il “personaggio del momento”: non è un uomo mondano. Gesù percepisce in profondità queste caratteristiche del centurione e gli riconosce una “fede grande”.

Cos’è allora la fede? Liquidiamo troppo presto questa domanda perché abbiamo già una risposta prefabbricata. La fede, invece, è una realtà molto complessa: quando diciamo che avere fede significa credere in Dio in realtà stiamo affermando solamente un piccolo aspetto della questione.

La fede affonda le sue radici nell’umanità più profonda: è fatta di carattere, affettività, un certo tipo di scelte di vita, sensibilità, intelligenza, relazioni importanti, ascolto, affidamento, speranza e amore, un certo modo di intendere la vita, positività, apertura mentale ed esistenziale. L’incontro con Gesù conferma, rafforza e porta a compimento questa profonda umanità che ci è stata donata dal Padre creatore.

Andrea Piccolo SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Neanche in Israele ho trovato una fede così grande.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 7, 1-10

In quel tempo, Gesù, quando ebbe terminato di rivolgere tutte le sue parole al popolo che stava in ascolto, entrò in Cafàrnao.
Il servo di un centurione era ammalato e stava per morire. Il centurione l’aveva molto caro. Perciò, avendo udito parlare di Gesù, gli mandò alcuni anziani dei Giudei a pregarlo di venire e di salvare il suo servo. Costoro, giunti da Gesù, lo supplicavano con insistenza: «Egli merita che tu gli conceda quello che chiede – dicevano –, perché ama il nostro popolo ed è stato lui a costruirci la sinagoga».
Gesù si incamminò con loro. Non era ormai molto distante dalla casa, quando il centurione mandò alcuni amici a dirgli: «Signore, non disturbarti! Io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto; per questo io stesso non mi sono ritenuto degno di venire da te; ma di’ una parola e il mio servo sarà guarito. Anch’io infatti sono nella condizione di subalterno e ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».
All’udire questo, Gesù lo ammirò e, volgendosi alla folla che lo seguiva, disse: «Io vi dico che neanche in Israele ho trovato una fede così grande!». E gli inviati, quando tornarono a casa, trovarono il servo guarito.

Parola del Signore