Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 16 Ottobre 2019

380

Cosa significa mettersi a seguire Gesù? A cosa serve pregare, cioè mettersi in relazione con il Signore e dialogare con lui? Seguire Gesù e dialogare con lui è mettere ordine nelle priorità della mia vita, tra i criteri che animano le mie scelte, nelle cose importanti su cui puntare con le mie forze migliori.

Due sono le parole chiave di questo intervento di Gesù: giustizia e amore di Dio. A queste bisogna dare priorità, in ogni atteggiamento e comportamento che voglia essere religioso. Se non vivo questi due gusti nelle relazioni (giustizia e amore sono condimento delle relazioni!), qualcosa dentro di me muore e marcisce – e tutto quello che è esteriore diventa tomba.

Nella salvezza portata da Gesù, la religione, con tutto l’apparato di norme, riti, racconti, morale, ecc., diventa strumento che porta a diventare più uomini, cioè più fratelli. Questo detto di Gesù, quindi, mi invita anche a ridare vitalità dal di dentro a quelle che sono le pratiche religiose, che non sono da trascurare, ma da ri-significare e ri-vitalizzare volta per volta, continuamente, avendo sempre davanti agli occhi e al cuore che sono aspetti secondari, funzionali ad amore e giustizia e che non si sostituiscono a questi.

Andrea Piccolo SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Guai a voi, farisei; Guai a voi, dottori della Legge.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 11, 42-46

In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, farisei, che pagate la decima sulla menta, sulla ruta e su tutte le erbe, e lasciate da parte la giustizia e l’amore di Dio. Queste invece erano le cose da fare, senza trascurare quelle. Guai a voi, farisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze. Guai a voi, perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo».

Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: «Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi». Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito!».

Parola del Signore