Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 16 Novembre 2021

29

Si può vedere chi è Gesù? Non è un’operazione immediata, tantomeno scontata; uno per curiosità ci prova, si dà da fare, si arrabatta e trova ciò che pensa di trovare. In questo episodio però non è Zaccheo a vedere Gesù, è Gesù che alza lo sguardo e vede Zaccheo. Zaccheo è riconosciuto, cioè ridonato a se stesso con una consapevolezza nuova, approfondita, più vera perché arricchita.

Alla curiosità abitudinaria e forse poco autentica di Zaccheo corrisponde la cura di Gesù che lo guarda e si coinvolge, e lo coinvolge. Zaccheo non vede chi è Gesù in verità fintanto che non lo lascia entrare in casa sua; solo lì, nell’intimità di casa sua Gesù si dà a conoscere ed egli può sperimentare in verità chi ha di fronte. Succede come con il lievito: finché non entra e si impasta con la farina non manifesta la sua natura.

Quando Zaccheo lascia entrare Gesù a casa sua comincia il cambiamento perché Zaccheo vede in sé quello che prima non vedeva: da riconoscersi nelle cose ora passa a riconoscersi nelle relazioni vive con le persone. Gesù ha salvato.

Andrea Piccolo SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 16 Novembre 2021
Articolo successivodon Mattia – Commento al Vangelo del 16 Novembre 2021