Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 14 Settembre 2021

68

Un sassolino tra le mani, linee di gesso tracciate sulla strada, dietro di me su una casella sta scritto “terra”, in fondo, “cielo”. La fatica di stare in equilibrio dove sono su una sola gamba. Il rischio di cadere, mentre tento un salto per la casella successiva.

Nella vita vera però il percorso si intravede a malapena e il rischio è quello di fermarsi del tutto. Nella notte della sete di Nicodèmo, Gesù lo riporta al tempo dell’Esodo. «Mi hai liberato, Signore, per farmi morire qui, nel deserto?”․․․ la voce del popolo di Israele potrebbe essere la nostra, quando la stanchezza e lo scoraggiamento, la sfiducia, la fame, prendono il sopravvento, quando le nostre peggiori paure prendono vita, letteralmente, e si trasformano in serpenti, nella nostra realtà. Così non riusciamo più ad alzare lo sguardo, presi dal timore di fare un passo falso. Gesù cita un passaggio del libro dei Numeri, quello in cui il Signore chiede a Mosè di fare un serpente di bronzo e di metterlo sopra un’asta perché guardandolo il popolo guarisca.

Per guarire dobbiamo guardare la realtà, la cosa che più ci fa paura, il fallimento, la ferita che ci toglie la vita, e non è possibile farlo da soli. Occorre che il Figlio dell’uomo – così Gesù parla di sé –, che questo suo essere umano, questo suo essere come noi, prenda quel posto. Che l’Amore, il dono radicale di sé, prenda il posto di quel veleno, di questa nostra paura della morte, e della vita.

Guardiamo questa fragilità, questo dover dipendere da un altro, questo bisogno che un altro ci nutra, questa mancanza che ci abita, questo essere fame e sete, il male in cui siamo immersi, questa paura di non farcela, e la paura che Dio non sia davvero Padre e che la libertà sia una condanna, una fregatura. Possiamo alzare lo sguardo alla Croce che rappresenta tutto quello che ci fa male, la solitudine, la paura di essere abbandonati a noi stessi nel deserto a morire, e scopriamo che davvero un altro ha preso il nostro posto.

Tutto questo peso diventa un luogo di incontro con il Padre, non di condanna. Ecco, ora posso fare finalmente un salto in avanti, con fiducia, su questa tua Parola, Figlio, perché non c’è posto qui su questa terra che non sia abitato da Te.

Caterina Bruno


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 14 Settembre 2021
Articolo successivoDon Tonino Arneodo – Commento al Vangelo del 14 Settembre 2021