Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 14 Ottobre 2019

281

Nella calca dei pensieri che si affollano nella nostra mente siamo bloccati come nella calca attorno a Gesù. Stiamo fermi ad aspettare un gesto dall’esterno, una parola, qualcosa che rimetta in movimento tutto, un punto da cui riprendere il discorso. La realtà ci si presenta davanti come un libro – qualche volta rischiamo di perdere il segno: le parole non ci dicono più nulla, slegate da quello che c’era prima e da quello che viene dopo non diventano vita, non diventano passi in avanti per tornare a rivolgersi a Dio, convertirsi.

Ma voce di Gesù a un certo punto si fa strada su tutto. La rabbia di Gesù è la rabbia di chi ama e vuole la salvezza dell’altro. Ci sta davanti, ma non lo vediamo, ci parla ma non lo ascoltiamo, continuiamo a chiedere segni dal cielo, prove, a confondere segni e realtà, quando abbiamo già ora tutto quello che ci serve.

Visto che continuiamo a perdere il segno possono essere utili due indicazioni. La regina pagana di Saba affronta un lungo cammino per mettere alla prova Salomone con i suoi enigmi, ma finisce per trovare risposte a quelli che erano i suoi, di dubbi. Salomone è stato segno della presenza di Dio per lei, la prima indicazione è dunque un invito a chiedere la Sapienza per cogliere con cuore libero i segni che sono già dati nella nostra storia. Occorre un cuore capace di riconoscere il male che ci abita, aperto alla conversione, ecco il senso della seconda indicazione, del segno di Giona, accolto a Ninive senza pretendere altri segni, che fa in prima persona un cammino di conversione per scoprire la grande misericordia di cui il Signore è capace.

Ed ecco, davanti a noi abbiamo qualcuno più grande di Salomone e di Giona, che si rivela nella misericordia, nel segno della croce, nella morte e resurrezione di Cristo. Cos’altro ci serve da questa vita, ora che il cielo è sulla terra?

Caterina Bruno

Rete Loyola (Bologna)

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Non sarà dato alcun segno a questa generazione, se non il segno di Giona.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 11, 29-32

In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:

«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.

Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone.

Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».

Parola del Signore

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.