Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 14 Dicembre 2020

109

Dio a volte irrompe nella nostra vita senza chiedere il permesso. Se pensiamo al tempio non come all’edificio ma come al nostro cuore, possiamo immaginare Gesù come colui che ci sussurra parole di vita. Sulla porta però troviamo anche delle resistenze, questi sacerdoti, questi anziani, sono tutti i nostri dubbi, tutte quelle chiusure, quelle vecchie convinzioni e abitudini che ci impediscono di cambiare, di diventare uomini e donne nuovi.

Tentano di metterlo a tacere: «Chi ti ha dato il permesso di stare qui e dire a tutti che sono Figli amati?». Perché il battesimo è proprio questo, il cielo che si apre per dirci che siamo figli amati nel Figlio. Non è un caso che Gesù risponda con una domanda, pensando a Giovanni Battista. Giovanni battezzava con l’acqua per la conversione, e Gesù prosegue nel tempio quest’opera di conversione nello Spirito. Ma i capi dei sacerdoti e gli anziani in realtà fingono di essere interessati a conoscere la verità, o una vera risposta, non sono disposti ad accettare le conseguenze di quella risposta di Gesù. Hanno paura di vedere.

La verità sconvolgerebbe tutti i loro equilibri, i loro ruoli, il loro bisogno di controllare tutto! Esercitano ciecamente il potere che gli è stato affidato, come se fossero loro i padroni di tutto, gli unici a poter parlare per conto di Dio. Pensano di agire con astuzia non compromettendosi, negando di conoscere la risposta, ma in realtà perdono tutto, perdono l’occasione di incontrare veramente Dio. Il dialogo si spegne e diventa silenzio, il silenzio di Dio.

Questo silenzio è una provocazione, perché siamo noi quelli chiamati a rispondere. Non può parlare alle nostre vite se non siamo disposti ad ascoltare veramente, se non scegliamo di comprometterci, di esprimerci davvero, di abbandonare le nostre false idee. Questi uomini hanno già deciso tutto a priori, non c’è posto per Dio nelle loro vite e faranno di tutto per farlo fuori, ma noi Signore, ti preghiamo, non chiederci il permesso per fare verità nella nostra vita, smonta le nostre certezze, scombina i nostri piani, vai oltre tutti i nostri umani tentativi di bloccare la tua grazia.

Caterina Bruno


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato