Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 13 Novembre 2021

48

Mi chiedi di chiedere, Signore, e non perché tu non conosca i miei bisogni o non sia abbastanza attento da notare le mie mancanze, né perché sia necessario lusingarti per convincerti. Non di certo perché il tuo cuore sia duro, le tue orecchie chiuse o i tuoi occhi ciechi. Mi insegni a chiedere perché il mio cuore non sia duro, le mie orecchie chiuse o i miei occhi ciechi.

Mi insegni a chiedere perché formulando la domanda tu in qualche modo cominci già a donarmi la risposta. Proprio mentre metto a fuoco il mio bisogno per esporlo comincio a colmarlo, perché dare i nomi ai desideri è il primo passo per renderli reali.

E allora se imparo a chiedere imparo una fede che mi insegna a stare nell’oggi proprio come nel regno dei cieli.

Verena M.


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021
Articolo successivoGiulia Lampo – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021