Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 13 Luglio 2019 – Mt 10, 24-33

162

Tu che hai creato l’universo, chi mai più grande di Te?!
Di ogni cosa cattiva del mondo e del male stesso non c’è più paura, giacché Tu l’hai vinta con il Tuo Amore e l’ultima parola è sempre la Tua, oltre ogni apparenza.
Certo non c’è male più grande di questo: dimenticare il Tuo Amore, temere così la morte e dunque la vita piena.
Ma se noi dimentichiamo, Tu riporta nuovamente al nostro cuore la bellezza; conoscendoci perdona la nostra confusione; donaci la consapevolezza della Tua presenza, dentro e fuori di noi; insegnaci ad essere liberi di scegliere chi riconoscere come nostro unico Dio: Te, Amore che ci unifichi così come siamo, oppure le paure e le bugie che ci dividono?!

Mounira Abdelhamid Serra

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 10, 24-33

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli:
«Un discepolo non è più grande del maestro, né un servo è più grande del suo signore; è sufficiente per il discepolo diventare come il suo maestro e per il servo come il suo signore. Se hanno chiamato Beelzebùl il padrone di casa, quanto più quelli della sua famiglia!
Non abbiate dunque paura di loro, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze.
E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo.
Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!
Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».

Parola del Signore.