Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 13 Gennaio 2021

87

La scena si apre con il passaggio dalla sinagoga (luogo di culto) alla casa (luogo di relazioni). Proprio qui il modo di agire di Gesù avviene attraverso due movimenti: sollevare e servire, amare e servire, amar y servir.

Nella guarigione della suocera di Pietro la comunità che segue Gesù riconosce se stessa: egli la guarisce, la rialza, le ridà vita piena dopo la malattia

Molto significativo anche un altro punto: il male avverte subito l’autorità di Gesù perché conosce il bene, gli dà fastidio e scappa. Non c’è resistenza di fronte a Gesù. E solo lui può dare pienezza di vita.

Oggi possiamo fermarci sui nostri luoghi di preghiera, sui nostri luoghi di relazione, perché è lì che Gesù vuole scendere più a fondo, entrare più in intimità. Prendiamoci qualche minuto per fermarci con lui, parlarci e raccontargli le nostre malattie.

Lasciamoci stupire.

Domenico Pugliese


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 13 Gennaio 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 13 Gennaio 2021