Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 12 Marzo 2021

6

Gesù, interrogato dallo scriba sul comandamento più grande, cita immediatamente l’antica legge di Israele contenuta nel libro del Deuteronomio. L’amore a Dio con tutto il cuore, che nel linguaggio biblico significa con tutta la propria persona, è il comandamento maggiore. Per un israelita queste parole suonavano e suonano ancora oggi dense di profondo significato.

E anche per noi cristiani è chiaro: se non poniamo Dio al centro della nostra vita rischiamo di sostituirlo con altri dei, i quali però non potranno mai portarci alla pienezza. Il primo comandamento di Israele vuole proteggerci dal rischio dell’idolatria. Può essere l’idolatria del denaro, del potere, della propria persona. Esistono anche idolatrie più sottili, per esempio di un valore etico, che tuttavia, per quanto grande, non si sostituisce a Dio. Nessuno di noi è immune e sempre dobbiamo vigilare perché nel nostro cuore non entrino idoli.

Subito Gesù unisce all’amore di Dio l’amore del prossimo. L’amore al prossimo è secondo all’amore di Dio non in quanto è secondario, bensì perché discende direttamente dall’amore di Dio come conseguenza. Chi ama Dio non può non amare il prossimo.

Concretamente la preghiera diventa la fonte dell’Amore che riceviamo nella relazione con il Signore, che poi ci permetterà di esprimere in maniera corretta l’amore al prossimo in tutte le nostre azioni quotidiane. E, a sua volta, quell’azione verso il fratello che nasce dalla preghiera diventa luogo dell’incontro con Dio. Le due cose sono inseparabili.

Qualcuno potrebbe dire che, in fondo, a questo punto è l’amore al prossimo è il più importante, lì si manifesta l’amore di Dio. L’importante è darsi da fare per gli altri. Principio giusto, perché è importante. Però, se non orientato dalla relazione con Dio, conduce al rischio di un attivismo disordinato che non è vero amore al prossimo e nasconde un egoismo․․․ un’idolatria. Diventiamo come criceti che vanno sulla ruota senza uno scopo e non riescono più a fermarsi fino a quando non sono sfiniti.

In realtà solo chi pone Dio al centro della sua vita riceve quell’Amore che orienta in modo ordinato tutte le sue azioni verso il prossimo. Non è facile trovare tempo per Dio nelle nostre vite frenetiche. Però è possibile e ne vale la pena.

Daniele Ferron SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato