Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 12 Maggio 2022

31

- Pubblicità -

Un servo non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato. Sapendo queste cose, siete beati se le mettete in pratica.

Fare paragoni ci viene naturale, qualche volta anche istintivo. Lo facciamo rispetto ai nostri pari, ma anche rispetto ai nostri modelli di riferimento.
Quante volte ci siamo sentiti migliori dei nostri genitori o dei nostri insegnanti․․․

Gesù ci ricorda una verità fondamentale. Non c’è paragone che tenga. Siamo come grandezze incommensurabili. Ciascuno unico, e perciò stesso né più né meno di alcun altro. Ma tutti chiamati a diventare pienamente noi stessi, a realizzare il disegno che siamo. E questa è beatitudine.

Ettore Di Micco


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2022
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2022