Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 12 Agosto 2019

42

Oggi in prima battuta ci viene raccontato dell’annuncio della passione che Gesù fa ai discepoli. Poi veniamo posti davanti all’arrivo a Cafarnao, dove i funzionari del tempio apostrofano Pietro in modo evidentemente polemico, chiedendo se Gesù non paghi la tassa dovuta. Gesù non si scompone molto ed invita Simone ad andare a prendere la moneta in bocca al pesce e pagare la tassa come tutti gli Ebrei.

Sembra un accostamento un po’ bizzarro, non è immediato trovare collegamento tra le due sezioni. Anche la conclusione, con questo pesce pescato, è peculiare.
Vi è un un’evidente antitesi tra la prima scena, intima, fra il Signore e i discepoli, dove viene mostrato un Dio che si dona totalmente per Amore, e la seconda, dove emerge l’immagine di una religione che nutre i propri interessi e alimenta un’immagine di un Dio che riscuote le tasse, quasi che, per ingraziarsi la benevolenza divina, bisogni pagare.

Ma proprio la situazione paradossale fa scaturire una riflessione: i figli di Dio sono davvero liberi, davvero figli che hanno ricevuto in dono tutto e non devono nulla. Allo stesso tempo Gesù rispetta quello che le persone possono comprendere, evita polemiche e paga la tassa; paga servendosi, tuttavia, di una moneta presa dalla bocca di un pesce, a mostrare quanto Dio sia provvidente coi suoi figli.

Dio ci vuole liberi e non schiavi, così liberi da poterci permettere anche di accogliere le non libertà altrui – come fa Gesù coi funzionari. Così noi possiamo accogliere con questa apertura chiunque ci sembri distante e ostile, proprio come con pazienza veniamo accolti dal Signore con le durezze dei nostri cuori e le nostre incomprensioni.

Ed ecco il collegamento con l’annunzio della Passione: questo è  veramente il volto del Signore che si dona totalmente nella croce per tutta l’umanità, anche quella che non lo capisce o non lo accoglie.

Daniele Ferron SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

lo uccideranno, ma risorgerà. i figli sono liberi dal tributo.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 17, 22-27

In quel giorno, mentre si trovavano insieme in Galilea, Gesù disse loro: «Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno, ma il terzo giorno risorgerà». Ed essi furono molto rattristati.

Quando furono giunti a Cafàrnao, quelli che riscuotevano la tassa per il tempio si avvicinarono a Pietro e gli dissero: «Il vostro maestro non paga la tassa?». Rispose: «Sì».

Mentre entrava in casa, Gesù lo prevenne dicendo: «Che cosa ti pare, Simone? I re della terra da chi riscuotono le tasse e i tributi? Dai propri figli o dagli estranei?». Rispose: «Dagli estranei».

E Gesù replicò: «Quindi i figli sono liberi. Ma, per evitare di scandalizzarli, va’ al mare, getta l’amo e prendi il primo pesce che viene su, aprigli la bocca e vi troverai una moneta d’argento. Prendila e consegnala loro per me e per te».

Parola del Signore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.