Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 11 Marzo 2022

94

- Pubblicità -

Alle prime parole di Gesù, la sua sembra la richiesta di “comportarci bene”, anche meglio degli altri. Non solo non uccidere, ma anche non adirarsi col fratello e perfino non chiamarlo stupido o pazzo. Forse è anche più difficile fare il primo passo per ristabilire la pace rotta all’interno di una relazione.

Ma superare la giustizia di scribi e farisei significa andare oltre l’azione particolare, non preoccuparsi soltanto di cosa fare ma anche – e soprattutto – avere attenzione verso le nostre intenzioni e a cosa si muove nel nostro cuore.

Gesù ci chiede di utilizzare un criterio nuovo: quello dell’ascolto della voce che parla nel nostro cuore.

Soltanto l’ascolto attento e curioso del maestro interiore può portarci a diventare sempre più umani, a realizzare sempre più il disegno che siamo. È precisamente questo che – in atto – porta alla spontanea azione di giustizia e di libertà vera, che è azione d’amore. E di contro, ci allontana dal rischio di una vita costretta, che non fiorisce.

Ettore Di Micco


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 11 Marzo 2022
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 11 Marzo 2022