Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 11 Dicembre 2020

79

Ci capita a volte di non guardare di buon occhio chi non fa come noi. Oppure semplicemente di volere che gli altri la pensino come noi. Il dissenso ci provoca come la mancanza di una ricompensa, di un ritorno, di un riconoscimento di ciò che siamo.

Nel dissenso non ci sentiamo riconosciuti, qualche volta addirittura ci sentiamo non rispettati e ci indigniamo. E allora denigriamo chi dissente, come a volerlo rendere insignificante, per rendere insignificanti anche quei pensieri che non ci portano alla dovuta riconoscenza.

Ma abbiamo soltanto paura. Tutti vogliamo sentirci riconosciuti, vogliamo esistere per gli altri, valere ai loro occhi. E allora goffamente cerchiamo di costruirci da soli un personaggio o un ruolo (o anche più di uno) che riteniamo di valore. Un modello ideale, valido, degno, magari anche superiore agli altri.

E poi ci identifichiamo con quello: definiamo la nostra identità con le caratteristiche di quel personaggio. Ecco allora che quando qualcun’altro smonta quel modello, quando non lo considera valido, ci sentiamo minacciati. Minacciati di non essere più riconosciuti.

Ma noi non siamo quei personaggi, precisi, coerenti. Possono muoversi tante forze in noi, tante voci contrastanti. Siamo un complesso di parti che vogliono essere ascoltate e guidate. E il criterio per guidarle è quello di lasciar cadere i nostri modelli ideali (che ci fanno indignare quando gli altri non li rispettano e ci fanno venire i sensi di colpa e la rabbia quando noi non riusciamo ad esserne all’altezza).

Il criterio non è il lasciarci guidare da ciò che abbiamo determinato noi, ma avere le orecchie del cuore ben aperte, per ascoltare il “maestro interiore”. Per imparare a riconoscerlo attraverso le opere che compie e saper discernere per scegliere. A questo siamo chiamati.

Ettore Di Micco


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato