Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 10 Giugno 2021

27

Quante volte ci siamo adirati con qualcuno? Tante. E abbiamo fatto pace? Certe volte sì, altre no.
Oggi Gesù ci dice che, prima di accostarci a lui, prima di ricevere la sua pace, il suo corpo e il suo sangue, è necessario riconciliarsi. Non sempre è facile compiere questo passo, ma è essenziale per diventare liberi di credere e amare Lui.

È difficile spesso riconciliarmi con il presente, ma anche con il passato: c’è bisogno di fare pace con i fratelli, ma soprattutto con me stesso perché il primo a essere perdonato dei miei peccati sono io. Solo così posso dire: “Abbà, Padre!”.

Quante volte, o Signore, vengo davanti a te senza aver perdonato nessuno, con un cuore carico di problemi, carico di preoccupazioni, appesantito… e quante volte tu educhi il mio cuore facendomi prendere coscienza di quando il mio sguardo è separato dal fratello.
Aiutami, Signore, a parlare al suo cuore per potergli donare stima, riconciliazione, pace ancor prima di andare incontro a lui e a Te.

Milena Acquafredda s.a.


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 10 Giugno 2021
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 10 Giugno 2021