Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 10 Dicembre 2020

109

Giovanni il Battista era in prigione e Gesù ne tesse l’elogio e dice che è il più grande tra tutti gli uomini. Perché è il più grande? Perché non ha nessuna sicurezza, le cede tutte; mette in questione tutto. Ha questa suprema libertà di aprirsi totalmente a Dio, per questo è il più grande uomo. Il Battista è quello che rinuncia ad ogni certezza e domanda: “Sei tu?” Quindi è disposto ad accogliere Dio così com’è, come si presenta. Questa è la sua vera grandezza. La grandezza dell’uomo è farsi domanda e cercare una risposta.

Gesù presenta due prospettive per valutare il Battista: secondo la prospettiva storico-umana, egli è “il più grande” tra i nati di donna; secondo quella salvifica, divina invece “il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui”. Questo per dire che l’irruzione del regno dei cieli, della prospettiva divina apporta una notevole modifica dei criteri di valutazione di persone ed eventi. Il criterio impiegato da Gesù per valutare la grandezza di un uomo infatti non è di ordine sociale, culturale, fisico o psichico. Un uomo è grande perché vive in relazione con Dio. Potremmo dire che la grandezza dell’uomo è connessa al suo desiderio di comunione con Dio, alla sua docilità nel lasciarsi inviare.

C’è poi un contrasto tra la docilità di Giovanni il Battista e i violenti, coloro che si impadroniscono, è verosimilmente una denuncia di una classe religiosa che prevarica tutti e si ritiene padrona della religione, in particolare della legge e del regno. C’è dunque chi considera il regno un possesso privato e agisce violentemente e anche Giovanni subisce questa violenza, comune denominatore dei profeti – ma noi sappiamo che le Scritture si compiono a prescindere da quella violenza. Con la predicazione del Battista viene inaugurato un periodo di violenza che avrà il suo culmine nell’esecuzione di Gesù: alla massima manifestazione dell’amore corrisponde la massima manifestazione della violenza. «Chi ha orecchi intenda», ovvero sintonizzatevi, sintonizziamoci con il progetto salvifico di Dio manifestato dal Battista e da Gesù!

Enrica Bonino s.a.


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato