Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 10 Aprile 2021

61

Oggi veniamo posti davanti a diverse scene condensate: l’apparizione a Maria di Magdala, l’apparizione ai due pellegrini di Emmaus, l’apparizione agli undici. L’evangelista sottolinea che Gesù si è “rifatto vivo”, è una presenza – e invita ad andare da altri.

Incredulità e durezza di cuore sono gli ostacoli più forti e ricorrenti all’accoglienza della verità, offuscano anche la fede e generano una specie di ottusità dello spirito. Gesù con le sue ripetute apparizioni vuole confermare i suoi nella fede, dare loro la certezza della sua risurrezione perché poi dovrà affidare a loro il mandato di esserne gli annunciatori e i testimoni. «E disse loro: Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo ad ogni creatura».

Appare chiaro che quella fede dovrà irradiarsi verso il mondo intero e i veicoli saranno gli apostoli e i loro successori in prima persona e con loro tutti i credenti, perciò riguarda tutti noi il mandato missionario e la crescita del regno di Dio! Dipendono da tutti e da ognuno e il motore è riconoscere la presenza del Risorto nella nostra vita e accogliere il suo invito.

Enrica Bonino s.a.


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 10 Aprile 2021
Articolo successivodon Gabriele Nanni – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2021