Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 1 Settembre 2021

55

In questi pochi versetti, troviamo Gesù nel pieno della sua missione. Luca ci propone il suo stare in mezzo alla gente, con un andamento a cerchi concentrici, che si allargano sempre più: dapprima una sola persona, la suocera di Pietro, poi coloro che erano affetti da malattie e infine le altre città… La guarigione di malattie fisiche e psichiche è il segno che la sua missione sta attirando l’attenzione di molte persone. Gesù è venuto a portare la buona notizia del regno․․․ Ma di cosa si tratta? Perché la gente è così desiderosa di stare alla sua presenza? Cosa colgono queste persone di così importante per loro?

Forse è l’atteggiamento di Gesù che colpisce. Il modo in cui guarda, il modo in cui ascolta, il modo in cui tocca. Ogni suo gesto dice cura e attenzione per l’altro. In un mondo rude, fatto di prepotenza e sopraffazione, Gesù fa la differenza con la finezza di piccoli gesti gratuiti e intenzionali.

È la sua volontà di avvolgere con l’amore chi gli sta di fronte che colpisce così tanto. Le folle alla sua presenza diventano persone: attraverso quei gesti semplicemente umani accedono alla loro stessa umanità. Si rendono conto che davvero il Regno di Dio riposa nell’intenzionalità di ciascuno che vuole vivere così la sua vita. E che è possibile. Ecco perché il Regno è già qui: chiede solo di essere accolto.

Alla fine Gesù si sottrae alla gente che lo vorrebbe trattenere perché ormai il seme è gettato, l’umanità sollecitata. Non si può far altro che attendere di veder maturare la decisione personale di ciascuno… la nuova umanità è alle porte!

Flavio Emanuele Bottaro SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 1 Settembre 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 1 Settembre 2021