Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 1 Giugno 2019 – Gv 16, 23b-28

98

Quante volte abbiamo implorato con insistenza e non siamo stati esauditi. Quante volte ci è capitato di domandare ciò che ci stava a cuore e non abbiamo ottenuto risposta. Com’è possibile che almeno una volta, anche per sbaglio, non ci sia capitato di chiedere nel modo giusto?

Il fatto è che il modo in cui chiediamo a Dio rivela la nostra visione della realtà, del mondo. Se non otteniamo, forse significa che non siamo sintonizzati sulla realtà. Il più delle volte ci raggomitoliamo nelle nostre lamentele e nelle nostre pretese per cercare disperatamente di salvare il nostro illusorio modo di guardare le cose.

Il momento della richiesta è un’occasione importante per lasciar cadere i vecchi schemi e instaurare una relazione più vera con Dio. È il momento in cui ci scopriamo vulnerabili, fragili e quindi incapaci di provvedere a noi stessi. Veniamo così fuori per quello che siamo, ovvero riveliamo come il nostro cuore percepisce il mondo. Un cuore chiuso non ottiene perché non è in grado di ricevere, un cuore aperto ottiene perché è predisposto ad accogliere.

Il non ottenere è lo sintomo che ci sprona a interrogarci su quali condizioni interiori potrebbero riaprire il nostro cuore. Riconoscere di avere il cuore chiuso è già un passaggio importante verso la riapertura, perché ci rendiamo conto che la chiusura non fa funzionare il cuore come organo di trasmissione d’amore.

Quando il cuore si apre, noi ci scopriamo figli e la nostra gioia diventa piena, come quella di Gesù. E allora basta alzare lo sguardo per vedere che ciò di cui avevamo bisogno il Padre già ce lo ha dato.

Flavio Emanuele Bottaro SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Il Padre vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 16, 23b-28

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà.
Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena.
Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma viene l’ora in cui non vi parlerò più in modo velato e apertamente vi parlerò del Padre. In quel giorno chiederete nel mio nome e non vi dico che pregherò il Padre per voi: il Padre stesso infatti vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto che io sono uscito da Dio.
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del giorno, 1 Giugno 2019
Articolo successivoContemplare il Vangelo di oggi – 1 Giugno 2019 – Gv 16, 23b-28