Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 1 Gennaio 2021

46

Tutti si stupiscono, Maria custodisce queste cose, meditandole nel suo cuore. Colpisce questa precisazione che Luca fa di Maria rispetto alle altre persone che stanno lì intorno.

Custodire e meditare sono due verbi fondamentali che ci aiutano a esplorare il mondo interiore di Maria, che è anche il nostro.

Custodire queste cose nel cuore: Maria fa spazio dentro di sé per accogliere ciò che sta accadendo senza avere la pretesa di capire subito tutto. Accetta di non comprendere e attiva una sorta di vigilanza. Custodire è un atteggiamento interiore, è un tenersi al riparo da giudizi, precomprensioni e aspettative. Succede anche a noi quando ad esempio guardiamo un film che ci appassiona ma ancora non abbiamo capito come va a finire e così aspettiamo il finale con il fiato sospeso. Non è che non abbiamo attese o propensioni: semplicemente siamo consapevoli che sono “solo” questo e non sono la realtà.

Maria dunque custodisce perché appassionata da quello che sta succedendo. Percepisce che quanto sta accadendo ha a che fare con lei, con la sua vita… Forse non ha ancora ben messo a fuoco la situazione, ma nello stesso tempo sa che quanto sta succedendo cambierà la sua vita… C’è un legame profondo tra la realtà che accade e me che abito la realtà. E non sempre questo legame è esplicito o chiaro, a volte lo percepiamo nella forma di una sensazione che ci chiede di fidarci.

Maria poi medita nel cuore. Anzi, custodisce meditando. Cioè Maria non è passiva rispetto all’esperienza che sta facendo. Dentro di lei sta permettendo alla nuova situazione di attivare memorie e creare connessioni con quanto ha già vissuto. Come una paziente tessitrice, Maria sta cucendo la sua storia attraverso la novità che sta attraversando. Quello che sta vivendo ora è il filo che attraversa tutta la sua vita e la unifica. La meditazione è un’operazione importante per noi esseri umani: solitamente immagazziniamo esperienze dentro di noi una dietro l’altra, come se le stessimo stoccando dentro un magazzino. La meditazione invece funziona diversamente: significa riconfigurare, rimettere ordine nelle esperienze già vissute attraverso un nuovo paradigma. Quando questo succede, ci sentiamo unificati, riconciliati, più a nostro agio con la nostra storia. Così cambia il corso della nostra vita.

Ecco perché Maria ci è madre: dischiude per noi la sua interiorità per mostrarci da vicino come lo Spirito abita i nostri processi interni e lavora perché la nostra vita possa aprirsi continuamente alla novità di quello che accade.

Flavio Emanuele Bottaro SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato