Pubblicità
Home / Vangelo del Giorno / Gesuiti – Commento al Vangelo del 8 Novembre 2018

Gesuiti – Commento al Vangelo del 8 Novembre 2018

Quanta tenerezza suscitano nel cuore le parole di questo Vangelo! Quanta serenità nello scoprire che nella nostra conversione il primo a gioire è proprio lui! E quanta speranza nel sapere che è lui il primo che si mette in moto per cercarci quando ci perdiamo nelle nostre paure, nelle nostre fatiche.

Convertirsi: cum-vertere, rivolgersi con. Si tratta di un passo a due in cui è lui, l’Amato, che guida; è lui il primo che ci viene incontro. Sempre.

Essere schiacciati dall’illusione della non colpevolezza, dalla falsità di pensare che l’invito a convertirsi non ci riguardi è, forse, la tentazione più grande. Può capitare di sentirci parte di quelle novantanove pecore rimaste all’ovile e rimanere perplessi, sentirci abbandonati.

Ma il Signore ci chiede di gioire con lui, perché la sua logica non è quella della maggioranza, è la logica della pienezza; perché al dolore e alla fatica di perdersi segue la felicità di ritrovarsi che genera un allargamento del cuore che coinvolge tutti.

Chiediamo al Signore di convertire continuamente la nostra vita e il nostro cuore e di insegnarci a gioire come lui gioisce.

Marco Ruggiero

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • In che luogo della mia vita sento la necessità di convertirmi?
  • Vivo come sorgente di Grazia il Sacramento della Riconciliazione?
  • In che modo nelle mie relazioni con l’altro mi sforzo di annunciare la gioia della conversione?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 15, 1-10
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro».
Ed egli disse loro questa parabola: «Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? Quando l’ha trovata, pieno di gioia se la carica sulle spalle, va a casa, chiama gli amici e i vicini e dice loro: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta”. Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione.
Oppure, quale donna, se ha dieci monete e ne perde una, non accende la lampada e spazza la casa e cerca accuratamente finché non la trova? E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, e dice: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la moneta che avevo perduto”. Così, io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

Check Also

don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 11 Dicembre 2018

Commento al Vangelo del giorno, 11 Dicembre della Prima settimana di Avvento (Anno C) A …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.