Gesuiti – Commento al Vangelo del 6 Marzo 2019

303

La Quaresima ritorna. Oggi ci viene offerto l’equipaggiamento per vivere questo tempo di preparazione alla Pasqua. Elemosina, preghiera e digiuno sono le coordinate spirituali per vivere questo cammino. Ciascuno troverà il modo di personalizzare queste pratiche che ci vogliono trasformare in una preghiera totale, che passi per il corpo e che abbia segni di comunione con i fratelli.

Ciò che è importante è l’attitudine di fondo che accompagnerà questi gesti. Questo tempo va vissuto come un ritorno al Padre, l’unico capace di darci la vita, il pane, parole di verità. Ciò che nutre la nostra vita oggi, è già anticipo d’eternità, è costruzione del regno di Dio, dove la lode, la festa e la comunione saranno per sempre. Ciò che oggi compiamo nel segreto, nell’umiltà del nascondimento, è opera d’amore che il Padre saprà ricompensare.

“Non come gli ipocriti”. Un invito a gettare le maschere della falsità e ambiguità, a lasciare false sicurezze ed accogliersi nelle proprie fragilità. Solo se spogli di tutto il superfluo Dio ci può ricreare, può riplasmare quella polvere che ha perso la vita.

Non vivere come gli ipocriti e allora il Padre, nel segreto – che è lo spazio che condividiamo – farà più vicino il giardino della Pasqua.

Giuseppe Amalfa SJ

[…]

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.
Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.[/box]

Mt 6, 1-6. 16-18
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.