Gesuiti – Commento al Vangelo del 28 Febbraio 2019

37

Gesù oggi lascia un segno che libera radicalmente ogni comportamento, ogni relazione.

La pace che discende dall’andare oltre, dal superare i moralismi e le presunzioni, rende capaci di as-sumersi in prima persona la gestione dell’ordine nella propria vita e la sapiente cura del tempo che necessita il cammino altrui.

La correzione fraterna nei confronti degli altri diviene dunque semplice esempio, che si realizza senza alcuna forma di giudizio, mediante un serio lavoro su se stessi. Un comportamento aderente a ciò in cui si crede come bene maggiore per se stessi si rivela allora l’unico giudizio fertile sulla vita e rappresenta il maggior insegnamento – ben più di altisonanti rimproveri.

Di conseguenza nasce il perdono lì dove si conosce in profondità la grandezza dei propri limiti e la fatica nell’accettarli, quindi nel trasformarli in occasioni di crescita.

Questa è l’acqua che si può ricevere e dare nel nome di Cristo, acqua che bagna la sete causata dal sale delle nostre fatiche e delle fatiche altrui nel vivere da salvati e risorti, non per meriti contingenti, ma per grazia divina.

Rete Loyola (Bologna)

[…]

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.
Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.[/box]

Mc 9, 41-50
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Chiunque vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare.
Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue.
Ognuno infatti sarà salato con il fuoco. Buona cosa è il sale; ma se il sale diventa insipido, con che cosa gli darete sapore? Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.