Gesuiti – Commento al Vangelo del 22 Febbraio 2019

312

Chi sono per te? Cosa significo, quanto valgo ai tuoi occhi?

L’ansia più grande dell’innamorato è sapere cosa si è per l’amato: anche nelle relazioni più salde questa domanda continua a tornare e ad aprire al dubbio. Può succedere allora che, per pigrizia o per non turbare lo stato delle cose, si scelga di dare delle risposte preconfezionate, senza lasciarsi interrogare davvero e senza perciò darsi la possibilità di fare verità nella relazione.

A volte, questo diventa anche il grande rischio della religione: cercare e darsi delle risposte ferme e definitive che ci costruiscano intorno un mondo di certezze a cui appigliarci, un rifugio comodo che ci faccia vivere tranquilli.

Il dialogo con Gesù è invece destabilizzante: lui non ha paura di porre domande scomode, e non si accontenta delle facili risposte della gente. Gesù vuole abitare anche quello spazio di incertezza, di attesa, di crisi che caratterizza tutte le relazioni autentiche.

Forse non sempre siamo capaci di rispondere con lo stesso slancio di Pietro, e non è detto che anche quando sappiamo dare una risposta la domanda non torni a bussare alla nostra porta.

Gesù ci dice oggi di non averne paura: è su questa domanda che comincia la fede, è su questa domanda che si fonda la pietra su cui edificare la chiesa.

Maria Chiara Brucia e Caterina Rapini

Rete Loyola (Bologna)

[…]

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.
Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.[/box]

Mt 16, 13-19
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.