Gesuiti – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2018

81

Le cose intorno a me si trasformano. A volte lentamente, a volte di corsa. Anche i palazzi o i ponti che fanno la gloria della mia città non sono poi così robusti. Anche quelli che oggi sembrano tanto potenti, dopodomani saranno ricordati solo da Google e da pochi eruditi. Anche le certezze, anche quelle scientifiche, si oscurano e vengono sconvolte. Anche il mio volto, il mio corpo, porta su di sé i segni di una tribolazione. Anche il tuo.

Tutto sembra passare. Cielo e terra passano. Passerà tutto come la corsa di una nuvola nelle profondità del cielo? Forse.

Ma il figlio dell’uomo non ha paura di passare. È venuto per passare. Passare con passione e con una consapevolezza gioiosa: tutti invitati alla festa del Padre. È venuto per visitarci e per radunarci tutti nel suo passaggio. È venuto a condividere una via per “passare bene”, lo stile di uno che non ha paura di passare. Lui passando resta. E il nostro cuore può ardere stupito nel riconoscerlo vicino, alla nostra porta.

Contemplo la potenza discreta del passaggio del Signore nella mia vita. Dov’è che il ceppo della mia storia si è intenerito? Dov’è che qualche foglia nuova promette di spuntare? Contemplo la pazienza del Signore e dei suoi amici. Siamo tutti invitati a lasciarci raccogliere nel suo passaggio, ad aiutarci l’un l’altro a fare della nostra vita l’avventura di un bel passaggio.

Matteo Suffritti SJ

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • Il Signore mi si fa vicino. Dove sto fiorendo?
  • Quand’è che nella mia vita ho sentito che tutto sembra passare?
  • Qual è la parola del Signore che “è rimasta”? È una parola che posso condividere con qualcuno?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.[/box]

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 18 novembre 2018 anche qui.

Mc 13, 24-32
Dal Vangelo secondo Marco

24In quei giorni, dopo quella tribolazione,
il sole si oscurerà,
la luna non darà più la sua luce,
25le stelle cadranno dal cielo
e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
26Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. 27Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
28Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. 29Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.
30In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. 31Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
32Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 18 – 24 Novembre 2018
  • Tempo Ordinario XXXIII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al #Vangelo del 18 Novembre 2018
Articolo successivoPer la Famiglia – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2018