Gesuiti – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2019 – Gv 14, 7-14

27

Cos’è che, se ce l’avessi, mi farebbe svoltare la vita? Cosa mi basterebbe per essere pienamente realizzato?
Filippo sembra avere le idee molto chiare e non ha paura di esporsi. Filippo è generoso nel suo desiderio, non chiede solo per sé ma anche per i suoi compagni: “Mostraci il Padre!” – chiede al Signore. La risposta di Gesù, sulle prime, non pare del tutto incoraggiante.

Ma forse il Signore ha ragione. Nonostante tutte le esperienze condivise, abbiamo conosciuto davvero poco del suo desiderio di camminare insieme con noi. Siamo solo alla superficie delle sue parole e delle sue opere! Davvero le nostre menti e i nostri occhi fanno fatica a vedere, già presente nel fondo di tutto, la gloria del Padre.

Il Signore non si scoraggia davanti alla lentezza del nostro cuore e ci stupisce con un rilancio che più impegnativo non si può: qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.

In questo tempo di intimità con il Signore risorto posso esercitarmi a sintonizzarmi con il suo Spirito e chiedere ciò che voglio e desidero, ciò che davvero mi basta. Senza paura di aggiustare pian piano il mio desiderio sul suo dolcissimo nome. Senza paura di espormi nell’intimità generosa del Padre e del Figlio, senza paura di chiedere l’aiuto e l’intercessione dei santi.

Matteo Suffritti SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.[/box]

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Chi ha visto me, ha visto il Padre.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 14, 7-14

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.