Gesuiti – Commento al Vangelo del 17 Maggio 2019 – Gv 14, 1-6

3

Lo abbiamo visto
inoltrarsi nell’ignoto,
mentre le sue orme si perdevano
inghiottite dalla nebbia
il nostro cuore si è fatto ghiaccio,
il nostro sguardo immobile.

Che cosa ci resta di lui,
del suo volto amico,
della sua voce amata?

Un ricordo che è più di un ricordo
avvertiamo,
sì: ne siamo certi,
egli tornerà.

Già udiamo la sua parola
riecheggiare nelle nostre parole,
già ci scopriamo ripetere i suoi gesti,
già sentiamo una fiamma viva
danzare in noi.

Danza,
mentre un soffice manto bianco
avvolge ogni cosa.

Stefano Corticelli SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.[/box]

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Io sono la via, la verità e la vita.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 14, 1-6

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: Vado a prepararvi un posto? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via». Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]