Home / Vangelo del Giorno / Gesuiti – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2019 – Gv 12, 44-50

Gesuiti – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2019 – Gv 12, 44-50

Vedere, credere, ascoltare: tre verbi che ci portano dal Signore Gesù al Padre. I primi due, in forma positiva, ci accompagnano proprio nell’itinerario al riconoscimento del Padre attraverso Gesù, proprio come la luce che rischiara le tenebre; sono un invito ad aprire gli occhi, il cuore e la mente su di lui, Gesù, perché possiamo scoprire sempre più profondamente questa relazione unica in cui il Figlio ci vuole inseriti, salvati. Inutile cercare chissà dove ciò che abbiamo a disposizione in Gesù.

Il terzo verbo, che di per sé sottolinea la sorte di chi non ascolta le parole di Gesù, quasi per paradosso diventa il veicolo di una delle più profonde affermazioni sulla missione di salvezza universale che Gesù vuole compiere. Questa missione in realtà non è che il desiderio profondo del cuore del Padre, che proprio Gesù è venuto a rivelarci.

Nulla da togliere, nulla da aggiungere a quanto Gesù ha manifestato, detto, rivelato. Sembra quasi un riassunto finale di quanto il Signore ha voluto dire e far comprendere a chi lo ha visto e seguito allora, ma soprattutto a chi lo legge e lo ascolta oggi, perché anche l’oggi di ciascuno di noi diventi il luogo del vedere e del credere.

Lino Dan SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Io sono venuto nel mondo come luce.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 12, 44-50

In quel tempo, Gesù esclamò:
«Chi crede in me, non crede in me ma in colui che mi ha mandato; chi vede me, vede colui che mi ha mandato. Io sono venuto nel mondo come luce, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre.
Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva, io non lo condanno; perché non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo.
Chi mi rifiuta e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho detto lo condannerà nell’ultimo giorno. Perché io non ho parlato da me stesso, ma il Padre, che mi ha mandato, mi ha ordinato lui di che cosa parlare e che cosa devo dire. E io so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico così come il Padre le ha dette a me».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

VEDI ANCHE

Per la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 23 Maggio 2019 – Gv 15, 9-11

Oggi vediamo l’immenso amore che Gesù ha per noi: Egli ci ama tanto come il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.