Gesuiti – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2019 – Mt 7, 7-12

47

“Chiedete e vi sarà dato”. Perché questa parola al vaglio della nostra esperienza non è sempre vera? Quante volte ci è capitato di chiedere e non abbiamo ricevuto nulla? E così ci sentiamo confermati nell’immagine di un Dio lontano, che non si cura di noi. Oppure peggio, di un Dio che ci guarda come uno scienziato osserva le sue cavie nel labirinto della vita. E abbiamo la percezione di essere gettati nel mondo e abbandonati a noi stessi. Oppure, al contrario, ci accusiamo in modo arbitrario perché non sappiamo ascoltare Dio nel modo giusto.

Forse, il suo silenzio di fronte alla nostra richiesta non è indice di disinteresse, non è la prova di un’assenza. Forse, al contrario, è presenza piena, ascolto attento, è un lasciare spazio a me perché possa urlare tutto il mio disagio. È un farsi da parte perché io possa esprimere fino in fondo la mia sofferenza. Perché lui sa – ma lo sappiamo anche noi – che mentre siamo esagitati a chiedere con veemenza ciò che ci sta a cuore, non siamo in grado di ascoltarci seriamente per comprendere cosa stiamo davvero chiedendo. Quella dell’urlo è una fase necessaria della richiesta, ma non è quello il momento in cui siamo esauditi.

Quando lo sfogo è avvenuto, le acque si calmano e diventiamo più capaci di connetterci con i nostri reali bisogni. Dio sa aspettare con pazienza. In quel momento, quando rientriamo in noi stessi, scorgiamo la sua presenza discreta e non invadente che è sempre stata lì davanti a noi. Non sono i tempi di Dio a essere lunghi…

Gesù ci lascia un suggerimento preziosissimo: “Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro”. Vuoi che gli altri ti ascoltino? Impara tu ad ascoltare per primo. Perché in quel momento ti accorgerai che tutto quello che stai chiedendo a Dio, Lui te l’ha già concesso. Allora comincerai a vivere nella sua risposta.

Flavio Emanuele Bottaro SJ

[…]

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.
Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.[/box]

Mt 7, 7-12
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova, e a chi bussa sarà aperto.
Chi di voi, al figlio che gli chiede un pane, darà una pietra? E se gli chiede un pesce, gli darà una serpe? Se voi, dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele chiedono!
Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.