Pubblicità
Home / Vangelo del Giorno / Gesuiti – Commento al Vangelo del 11 Dicembre 2018

Gesuiti – Commento al Vangelo del 11 Dicembre 2018

Questione di aderenza a se stessi, questione di cuore, smettere di aver paura di essere sbagliati e piuttosto sbagliare, ma finalmente essere: ecco il buon pastore.

Si può avere tutto, ma tutto non vale niente dinanzi a quella piccola parte di noi stessi che esce dal binario e dagli schemi e quella parte va trovata, riconosciuta, accolta, curata, reintegrata, per questo liberata.

Il buon pastore è disposto non solo a perdere il suo gregge ma a perdere la sua stessa vita nell’arroccarsi dei monti, o nelle profondità dei laghi, sotto le fragorose cascate, dentro le oscure grotte, pur di riunirsi a ciò che è perduto.

Che egli perda la vita ritrovando quella piccola parte del gregge (della sua stessa vita) o che egli la ritrovi tornando dal resto, se gli riesce di trovarla… si rallegrerà.

Una resurrezione a nuova vita, un nuovo sguardo, una nuova dimensione.

Mounira Abdelhamid Serra

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • Di quale piccola parte di me vado in cerca?
  • Chi sono i piccoli nel contesto in cui vivo?
  • In che modo entro in relazione con i piccoli che incontro?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 18, 12-14
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita?
In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite.
Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno di questi piccoli si perda».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

Check Also

don Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 23 Gennaio 2019

LE NOSTRE FERITE SONO LA PORTA DISCHIUSA SULLA SALVEZZA, STIGMATE LUMINOSE TESTIMONI DELLA VITTORIA DI …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.