Frati Minori Assisi – Commento al Vangelo del 28 Luglio 2021

119

“Quando entrava davanti al Signore per parlare con lui, Mosè si toglieva il velo, fin quando non fosse uscito”

La preghiera è un dialogo con Dio, un dialogo “senza veli”, luogo in cui noi ci s-veliamo a Dio per come siamo e Dio ci s-vela chi siamo realmente, il nostro vero volto e identità.

Dalla preghiera non si esce con qualche stato d’animo diverso, ma col volto raggiante, come Mosé. Lui non si accorgeva di nulla, era sempre lo stesso, come accade a noi, ma gli altri non potevano guardarlo tanto il suo volto era diventato luminoso.

lo davanti a Dio dobbiamo togliere i nostri veli, davanti agli altri, come Mosé, ci deve essere un velo di pudore e intimità, a custodia di ciò che è prezioso. Dobbiamo togliere le maschere che rendono falsa la nostra esistenza, ma mettere un velo che ci sveli agli altri per gradi, secondo quanto la nostra relazione con loro impone.


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – “non fare la volontà di Dio”
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 1 Agosto 2021 – Paolo Curtaz