Frati Minori Assisi – Commento al Vangelo del 28 Agosto 2021

110

 “Bene, servo buono e fedele – gli disse il suo padrone –, sei stato fedele nel poco, ti darò potere su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone” (Mt 25,23)

La fedeltà nelle cose della nostra vita quotidiana, apparentemente insignificanti, ci apre un tesoro immenso: condividere la gioia di Dio. La “santità della porta accanto” è proprio quella che non si fa notare, quella di chi rimane nel luogo dove il Signore lo ha posto, anche quando questo richiede sacrificio, e, con pazienza e umiltà, costruisce relazioni di pace facendo fiorire il Regno di Dio!


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 28 Agosto 2021
Articolo successivoS.E.R. Mons. Andrea Turazzi – Commento al Vangelo di domenica 29 Agosto 2021