Frati Minori Assisi – Commento al Vangelo del 27 Luglio 2021

98

“Il Signore parlava con Mosè faccia a faccia, come uno parla con il proprio amico”

C’è una tenda, fuori dall’accampamento, in cui Dio incontra Mosé e quindi il suo popolo. Lo stesso Dio, in Gesù, ha voluto accorciare le distanze con noi, facendosi ancora più intimo alla nostra vita. Egli è venunto ad abitare in mezzo a noi, a condividere la nostra vita.

In Gesù e nei sacramenti della Chiesa, in particolare nell’Eucarestìa, a noi è fatto un dono ancora più grande: non solo vederlo nascosto nella semplicità disarmante del pane e del vino, ma fare comunione con lui, essere intimi con lui al punto di diventare Lui.

Questo mistero d’amore non va “capito” ma goduto nella contemplazione e nella preghiera, luogo del dialogo intimo col nostro Signore.


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteAlphonse Vidal – Commento al Vangelo del 27 Luglio 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 27 Luglio 2021