Frati Minori Assisi – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021

112

«Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata»

Il regno dei cieli non è il paradiso, non è lontano da noi, è già in mezzo a noi, oggi. Il regno dei cieli è la vita di Dio in noi, il suo disegno d’amore per noi e per il mondo intero, mescolato a noi come il lievito alla farina.

Come riconoscerlo, come riconoscerci collaboratori del regno di Dio? no, non dobbiamo cercare le cose grandi, gesti eroici, luci abbaglianti, ma le cose piccole, quotidiane. Il regno di Dio opera in noi e noi con lui, in modo semplice, piccolo, nascosto. Ogni volta che siamo capaci di “scomparire” in tutti i luoghi in cui viviamo: matrimonio, a lavoro, ecc…scomparire per permettere a quella realtà di crescere, espandersi, arrivare a maturazione.

Ogni tuo “si” alla vita, alla vocazione, ogni fedeltà al tuo lavoro, allo studio, alla verità, permette al regno di Dio di crescere, in maniera nascosta ma tenace.
Diciamo allora oggi: “Signore, venga in me il tuo regno, affinché io possa essere lievito là dove tu vorrai, là dove tu aspetti me”


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021